imagealt
Buone prassi

Il Progetto “LivingAgro”

Una iniziativa internazionale per l’innovazione del settore agricolo e forestale nel Mediterraneo (capofila Agenzia Forestale Regionale per lo Sviluppo del Territorio e dell’Ambiente della Sardegna | Fo.Re.S.T.A.S.)

LivingAgro – Cross Border Living Laboratories for Agroforestry”, Progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENI CBC Med 2014 -2020, promuove il trasferimento di conoscenza e tecnologie innovative sui sistemi agro-forestali del Mediterraneo per conseguire la condivisione delle buone pratiche, favorire la produzione sostenibile così come la protezione della biodiversità rafforzando la cooperazione tra enti di ricerca, istituzioni, PMI, agricoltori e portatori di interesse.

L’approccio adottato ha lo scopo di favorire la co-creazione di valore economico e sociale nei territori interessati dell’area Mediterranea, lo sviluppo delle interazioni e delle connessioni tra domanda e offerta nel mercato agro-forestale eliminando le barriere geografiche e culturali.

Il Progetto coinvolge 6 partner di 4 diversi Paesi dell’area del Mediterraneo (Italia, Giordania, Libano, Grecia).

Tra le principali azioni del progetto è prevista la creazione di due Laboratori “viventi” sui temi dei sistemi olivicoli multi-funzionali e dei pascoli arborati le cui fasi di attivazione prevedono la localizzazione e individuazione dei portatori di interesse rilevanti, la costituzione dei Laboratori mediante specifici accordi tra enti pubblici e privati, lo sviluppo della piattaforma ICT dedicata, la creazione di una community pubblico-privata che includa anche le persone e l’avvio di azioni pilota volte alla sperimentazione.

L’Agenzia Forestale Regionale per lo Sviluppo del Territorio e dell’Ambiente della Sardegna (Fo.Re.S.T.A.S.) ha il ruolo di capofila. Partecipano, in qualità di partner, il CNR (ISAFOM – Dipartimento di Biologia, Agricoltura e Scienze dell’alimentazione), ATM Consulting s.a.s., l’Istituto Nazionale per la Ricerca in Agricoltura (Giordania), l’Istituto Libanese per la Ricerca in Agricoltura e l’Istituto Agronomico Mediterraneo di Chania (Grecia).

Per maggiori informazioni visita il Sito web, la Pagina Facebook ufficiale o scarica l’ultima edizione del notiziario informativo.