imagealt

Rassegna stampa di venerdì 7 maggio 2021

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Trexenta

Guasila. Tutta Guasila piange Nicola. «È come se avessi perso un figlio». Parla Ignazio Etzi, il proprietario dell’azienda in cui ha perso la vita Nicola Melas, schiacciato dal trattore che stava guidando. Una tragedia che ha sconvolto Guasila. Nicola aveva solo 16 anni e tanti sogni da realizzare. «Non riesco a crederci, non posso credere che sia successo», continua Etzi, allevatore 57enne molto conosciuto nel centro della Trexenta. È stato lui a trovare il corpo dello sfortunato ragazzo. (Segue dalla prima a pag. 32)

Gerrei

San Basilio. Sport, i bimbi e i genitori fanno squadra. Prende il via il progetto “Lo Sport siamo noi” nel comune di San Basilio. L’iniziativa voluta dall’amministrazione municipale punta ad avviare bambini e ragazzi tra i 6 e i 14 anni e le loro famiglie alla pratica sportiva, promuovendo i valori della condivisione, del rispetto dell’ambiente e dell’appartenenza al proprio territorio, proponendo loro corsi di minivolley, minibasket, calcetto. Le attività partiranno lunedì 10 maggio, per una durata di sei mesi, e prevederanno attività settimanali di tipo ludico-motorio all’aria aperta, grazie al contributo dell’associazione dilettantistica “Sport Village”, e sei eventi a carattere educativo che coinvolgeranno bambini, famiglie e tutta la cittadinanza di San Basilio. (pag. 33) 

Campidano di Cagliari

Burcei. Nel bilancio i fondi per riaprire la caserma. In arrivo a Burcei i ristori per le attività produttive, piccole e micro imprese bloccate dal Covid dallo scorso anno. Con l’approvazione del bilancio, sono stati stanziati per il 2021 quasi 47mila. «Il bando – dice il vice sindaco Marcello Malloru – sarà pubblicato nei prossimi giorni. Le attività che hanno subito chiusure e restrizioni potranno richiedere un contributo a fondo perduto, con l’unica clausola di essere in regola con il Durc, requisito essenziale per legge». Il Consiglio comunale ha approvato anche il Documento unico di programmazione, nel quale sono state elencate le azioni amministrative programmate per i prossimi tre anni. (pag. 29)

Altre notizie

Vaccini, da lunedì gli over 50. Il generale Figliuolo ordina l’accelerazione e impone alle Regioni di aprire da lunedì agli over 50 le prenotazioni per i vaccini. La Sardegna però resta agli ultimi posti in Italia. Il commissario dell’Ats Temussi dà il via alla campagna di immunizzazione di tutta la popolazione di Carloforte e La Maddalena, per rendere le isole Covid free e aprirle al turismo. A Cagliari protestano i tassisti, polemiche per i controlli negli aeroporti. (Segue dalla prima alle pag. 2, 3, 5, 6, 7)

Contagi in calo, ieri a quota 128 Due nuove vittime. Curva dei contagi in leggera discesa in Sardegna, ma ancora sopra 100. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 128 nuovi casi contro i 166 del giorno precedente. Si registrano anche due nuovi decessi (1.405 in tutto dall’inizio della pandemia). Complessivamente dall’inizio dell’emergenza i casi accertati di positività nell’Isola sono 55.274. In totale sono stati eseguiti 1.205.247 tamponi, con un incremento di 3.537 test rispetto al dato precedente. Il tasso di positività scende dal 4,6 al 3,6%. Calano ancora i ricoveri in ospedale. Sono 319 (-19) i pazienti in reparti non intensivi, 41 (-5) quelli in terapia intensiva. In isolamento domiciliare 15.636 persone, i guariti 37.865 (+374) mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 8. Sul territorio, dei 55.274 casi positivi complessivamente accertati, 14.477 (+35) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.356 (+22) nel Sud Sardegna (pag. 2)

Aeroporto e controlli: l’Isola verso l’estate, sicurezza a rischio. Nel tabellone degli arrivi dell’aeroporto di Elmas sono segnati appena nove voli giornalieri: quattro da Roma, tre da Milano, uno da Parma e l’altro da Trieste, e neanche con gli aerei pieni. Numeri ormai noti di un disastro che, però, rappresenterebbero –perché no? – la condizione migliore per ottenere il massimo della sicurezza per l’Isola con controlli anti Covid efficienti e mirati. (Pag 7)

Case vacanze, l’Isola sogna il boom. Il morale è alto, ma le dita restano saldamente incrociate. I gestori delle migliaia di strutture extra-alberghiere dell’Isola stanno infatti in queste settimane registrando la ripresa delle attività: i telefoni squillano e nelle caselle mail si moltiplicano le richieste di informazioni e prenotazioni di aspiranti vacanzieri che hanno scelto la Sardegna per le proprie ferie. La tendenza, confermata da associazioni e addetti ai lavori, è ancora timida, ma l’Isola si sta confermando, secondo le prime indagini, tra le destinazioni preferite da italiani e stranieri. D’altronde, al momento, potrebbe non esserci di meglio che gli spazi immensi e selvaggi della nostra terra per rassicurare anche il turista più titubante. Intoppi permettendo. Sì, perché la lezione è stata imparata più volte e a caro prezzo: il boom di presenze estivo e autunnale per le case vacanze sarà garantito solo in assenza di nuovi picchi di contagi che potrebbero cancellare in un attimo gli sforzi fatti per accogliere in sicurezza i turisti. (pag. 16)

«Annacquare il vino»: l’idea Ue che spaventa Coldiretti. L’idea di annacquare il vino non piace alla Coldiretti. L’associazione di categoria punta il dito contro il documento della Presidenza del Consiglio dei ministri dell’Unione europea, dove si propone di autorizzare la “dealcolazione”, ossia l’eliminazione dell’alcol anche dai vini a denominazione di origine o la riduzione in modo parziale della gradazione alcolica, aggiungendo dell’acqua. Questa, secondo Coldiretti, sarebbe «l’ultima trovata di Bruxelles per il settore enologico, già sotto attacco con la proposta di introdurre etichette allarmistiche per scoraggiarne il consumo, previste nella comunicazione sul “Piano d’azione per migliorare la salute dei cittadini europei”». (pag. 16)