Ricerca nel sito

imagealt

Rassegna stampa di oggi, 5 agosto 2022

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal territorio

San Nicolò Gerrei. Maialetto arrosto e degustazioni

Mancano poche ore all’atteso evento enogastronomico che da nove anni allieta i palati di residenti e visitatori. Domani si terrà la Sagra del maialetto organizzata da Comune, associazione Paulese-Circolo culturale anziani. Appuntamento alle 16 in piazza Emilio Lussu con l’apertura della sagra e la preparazione dei maialetti a cura dei maestri arrostitori. In piazza Sandro Pertini si potrà ammirare l’esposizione dei prodotti artigianali tipici locali. Il clou della festa è stato programmato per le 19.30 in piazza Lussu dove si terrà il laboratorio di degustazione a base di maialetto arrosto e la distribuzione dei pasti.

Altre notizie.

Enoturismo, nuove regole

La Regione ha approvato le direttive sull’enoturismo in Sardegna. Le regole interessano tutte quelle attività finalizzate ad accrescere la conoscenza degli ecosistemi vitivinicoli e svolte nei luoghi di produzione con visite guidate ai vigneti e alle cantine, comprese iniziative di carattere didattico, culturale e ricreativo, degustazioni e commercializzazione delle produzioni. Per avviare le attività sono previste procedure snelle che saranno definite in un decreto dell’assessore dell’Agricoltura.

Tirocini in azienda

È online nelle pagine dell’Aspal l’avviso tirocini formativi Garanzia Giovani che consentirà a tanti ragazzi sardi di fare un’esperienza nelle aziende e, a queste ultime, di formare nuovo personale. Fino al 22 agosto sarà possibile fare gli abbinamenti tirocinanti-imprese e da quel momento si potranno presentare i progetti fino al 10 ottobre. A Garanzia Giovani si aderisce compilando il form online tramite il portale nazionale o regionale del programma.

Master and back, nuovo bando

«Invertire la rotta è possibile. La Regione si oppone alla tendenza dei cervelli in fuga, promuovendo percorsi di alta formazione d’eccellenza fuori dall’Isola e agevolando il rientro in Sardegna per spendere le competenze acquisite nella propria terra». Così il presidente della Regione, Christian Solinas, spiega l’avviso “Master and Back” appena pubblicato e finanziato con 3.876.366 euro destinato a chi ha la residenza nell’Isola. Le novità: è aumentata l’età dei destinatari (fino a 45 anni) che vorranno seguire un master in tutte le discipline e le borse di studio andranno anche a chi non è ancora laureato, ma frequenterà l’ultimo anno in una facoltà Stem.

Sulcis in marcia per la sanità

La rivolta del Sulcis Iglesiente produce una piccola vittoria: con un ordine di servizio la direttrice generale della Asl Sulcis indica il trasferimento di cinque medici già operativi in altri reparti fra Carbonia e Iglesias, al Pronto soccorso del Cto d’Iglesias. Una riorganizzazione interna che potrebbe garantire la riapertura del servizio. Gruppo compatto La buona notizia è arrivata al termine della mega manifestazione indetta dalla Cgil, Cisl e Uil nella mattinata di ieri sotto gli uffici dell’assessorato alla Sanità: ha sortito quello che può definirsi un piccolo passo in grado di attenuare le molteplici criticità del sistema sanitario territoriale, alle prese con un solo Pronto soccorso per 127 mila abitanti, con la carenza di medici di base, di guardie mediche e turistiche, pediatri e punti prelievi.

Acqua, la Sardegna è un’isola felice Si allontana l’incubo razionamento

Stanno per rimanere a secco, nel nord Italia, dove il Po è a un livello “di piena” – ma sarebbe più opportuno chiamare “di vuota” – che fa spavento e non si sa più dove prendere l’acqua per irrigare le coltivazioni agricole e dissetare gli animali nelle fattorie. E nella storicamente siccitosa Sardegna, cui a questo giro pare spettare un’assai umida rivalsa, invece l’acqua è nei bacini: per noi che ci abitiamo, per i turisti, per quel poco d’industria che c’è e anche per l’agricoltura e l’allevamento, che da soli – questi ultimi – si bevono circa il 70 per cento delle risorse idriche dell’Isola.

Il caldo brucia i campi «I raccolti sono a rischio»

Il bollettino meteo fa molta paura. L’afa soffocante e le temperature fino a quaranta gradi previste per i prossimi giorni hanno messo in allarme le campagne sarde: a rischio infatti ci sono i raccolti di frutta e verdura di stagione, senza dimenticare la vendemmia, iniziata da qualche giorno ma pronta a entrare nel vivo tra la fine di agosto e gli inizi di settembre. Tonnellate di prodotti ogni giorno stanno quindi cuocendo nei campi al sole, bruciati da un caldo che anche gli agricoltori più esperti non ricordavano da tempo. Paure «Siamo preoccupati, una situazione simile non la vedevamo da decenni», conferma Salvatore Lotta, direttore commerciale della Op agricola Campidanese, tra le più solide e grandi aziende dell’Isola per la produzione di frutta e verdura.