Ricerca nel sito

imagealt

Rassegna stampa di oggi, 24 novembre 2022

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal territorio

Siurgus Donigala. Sapori antichi, il paese in mostra

Siurgus Donigala è il quarto paese ad aprire lo scrigno dei suoi tesori per Saboris Antigus 2022. Domenica il centro dell’Alta Trexenta accoglierà i visitatori con i laboratori nelle case tra il ricamo e la tecnica dell’uncinetto, la lavorazione della pasta fresca, del formaggio e del miele. E ancora le mostre dei costumi e degli argenti, e la sfilata delle maschere tradizionali. Il programma Si inizia alle 8.30 con la celebrazione della messa e la mostra di oggetti sacri nella chiesa parrocchiale di San Teodoro; alle 9 l’apertura delle case con punti di distribuzione di piatti e prodotti tipici della tradizione e il laboratorio di ricamo, ferri e uncinetto nella Casa del Pane; alle 10.30 merenda in piazza e dimostrazione dei Giogusu Antigusu a cura del gruppo Scout Ages; alle 10.45 nella Casa del Pane il laboratorio del gusto presentato da massaie locali; alle 11 la partenza del corteo in abito tradizionale da Sa Omu de su Conti verso San Teodoro per la celebrazione dell’antico rito di benedizione della dote della sposa.

Senorbì. Fondi del Comune per imprese e artigiani

In arrivo gli aiuti per gli imprenditori e gli artigiani di Senorbì. La Giunta comunale, convocata dal sindaco Alessandro Pireddu, ha approvato la delibera che stabilisce l’erogazione dei contributi a fondo perduto per le spese di gestione e di investimento sostenute dalle attività economiche commerciali e artigianali in un periodo particolarmente complicato per gli imprenditori a causa della crisi economica che persiste da diverso tempo. Sono stati stanziati 49.000 euro: il limite massimo di contributo concedibile per le spese di investimento non potrà comunque essere superiore a 500 euro per ciascuna richiesta.

San Vito. Lo sport spinge la donazione d’organi

Una partita di pallavolo e una esibizione di danza per far capire a tutti l’importanza della donazione degli organi. L’evento “Una schiacciata per la vita” si svolgerà sabato pomeriggio (il via alle 15.30) nella palestra comunale delle scuole medie di San Vito ed è organizzato dall’Aido Sarrabus. Saranno presenti altre sette associazioni con altrettanti stand: l’Avis, il Sogno Spettacoloso, Il Fenicottero, l’associazione diabetici, l’associazione sclerosi multipla, l’associazione Alice di Loceri e l’associazione anziani di San Vito. Ogni associazione informerà i cittadini sulle tematiche a loro più vicine e sull’importanza delle donazioni.

Altre notizie.

Quota 103 solo per mille sardi «Ma bene le pensioni minime»

Se in tutta Italia si stima una platea di soli 45-48mila persone che potranno utilizzare Quota 103, in Sardegna – volendo azzardare un calcolo approssimativo – non saranno più di un migliaio, considerando quanti (appena il due per cento del totale nazionale) l’anno scorso hanno approfittato dell’uscita anticipata con Quota 102, in scadenza a fine dicembre. Dal primo gennaio, dunque, potranno usufruire dello “scivolo” per tutto il 2023, i lavoratori con 62 anni d’età e 41 di contributi ma con una penalizzazione fino a 67 anni sull’assegno (non più di 2.850 euro al mese). Sono questi i paletti posti dal Governo Meloni per poter andare anticipatamente in pensione.

La Flat tax fa discutere nell’Isola Artigiani ottimisti, i sindacati no

Non è (per il Governo, «non ancora») il Paese dei tassapiattisti, visto che flat tax significa appunto “tassa piatta”. Un primo passo è arrivato, ma esclude del tutto i lavoratori dipendenti. E anche qui, l’Esecutivo dovrebbe allegare un «non ancora», perché giurano che riguarderà anche i salariati, ma più avanti. In ogni caso si parte, o si fa un primo passo a seconda dei gusti, verso quell’aliquota unica del 15% promessa in campagna elettorale e premiata dal voto popolare, e che allo stesso tempo fa storcere il naso a chi rivendica la progressività fiscale legata al reddito prevista dalla Costituzione.

L’Omnibus attende il rimpasto

È slittato ancora il de profundis della prima Giunta Solinas e il debutto della seconda. E questi continui rinvii e l’incertezza per il futuro stanno ovviamente pesando sugli umori e il lavoro degli attuali assessori, sul clima che si respira negli uffici, sull’attività politica dei partiti e sul funzionamento della macchina regionale. La giornata Ieri in Consiglio sono state cancellate le commissioni che prevedevano l’audizione di assessori, di sera si sono riuniti i capigruppo di maggioranza e di opposizione per cercare un’intesa in extremis e riuscire ad approvare la legge Omnibus entro il 30 novembre, termine ultimo perché le risorse stanziate possano essere spese.

Ecco l’influenza “cattiva” Sui vaccini l’Isola è in pesante ritardo

I ritmi della vaccinazione antinfluenzale in Sardegna sono lentissimi. Lo dice il report dell’associazione Salutequità che ha rielaborato i dati del ministero della Salute. L’Isola è molto indietro nella somministrazione delle dosi di vaccino in grado di arginare un’ondata del virus che arriva dall’Australia e che quest’anno si presenta in modo molto aggressivo. La Sardegna segna il passo. Infatti, secondo Salutequità, è la peggiore, insieme all’Umbria, nella classifica, poco lusinghiera dei territori con le copertura più basse nella campagna vaccinale.

Da Cagliari a Quirra, la Difesa fa affari con i beni regionali

Il ministero della Difesa fa affari milionari con beni della Regione. Deposito dell’acqua di Cala Battistoni sul mare di Baja Sardinia (Arzachena), ex deposito combustibili Pol Nato a Cagliari, porzioni del poligono interforze del Salto di Quirra, a terra e a mare: tutti immobili che la società Difesa Servizi Spa, controllata dal dicastero di via XX Settembre, dichiara di avere a disposizione per affidarli in concessione ai privati. In cambio di denaro, ovvio. Tanti soldi. Almeno un bando è già stato pubblicato, altri stanno per arrivare. Ulteriori due, per altrettante fette di terra sarda, sono già stati aggiudicati

Black Friday, caccia allo sconto

Sì che ne approfitteranno i sardi. È quasi una sfida ormai, il Black Friday è sacro nell’Isola. E quest’anno potrebbe scapparci anche il regalo di Natale, visti i budget familiari risucchiati da inflazione e caro-bollette. Non c’è fretta intanto: è nero non solo il venerdì (quest’anno domani, 25 novembre), i riflettori si accendono ormai anche sulla “Black Week”. Siamo nel bel mezzo della settimana degli «sconti esagerati» (e si andrà avanti ad oltranza fino al Cyber Monday, il 28, dedicato all’elettronica), pazienza se non è possibile conoscere il prezzo di partenza.

Appalti, luci e ombre nell’Isola

Tra l’inizio dell’anno e settembre scorso nell’Isola sono state indette 480 gare d’appalto, per una somma a base di gara che ha sfiorato i 8,9 miliardi di euro. Si tratta di un valore pari al doppio di quanto era stato assegnato tra il 2016 e il 2021. Secondo quanto emerge dall’ultima rilevazione del Centro studi della Cna Sardegna, è un livello di spesa eccezionale, risultato di una fase in cui si sono combinate le risorse provenienti dal “Next generation Eu fund”, attraverso il Pnrr, e quelle per la strategia di transizione energetica

Ottanta milioni per le campagne sarde

«È puro ossigeno per le imprese agricole dell’Isola». Battista Cualbu, presidente regionale di Coldiretti, commenta senza giri di parole l’ufficialità dello sblocco da parte dell’Agenzia Argea, l’organismo pagatore regionale, di oltre 80 milioni di euro a favore di 35.143 beneficiari. I comparti L’assessora regionale all’Agricoltura, Gabriella Murgia, ieri ha confermato lo stanziamento che riguarda gli anticipi del Psr a copertura parziale di quattro misure: pagamenti agro-climatico-ambientali (sbloccati 12.176.451 euro); Agricoltura biologica (10.018.827 euro); Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici (29.901.559 euro); Benessere degli animali (28.259.026 euro).