Ricerca nel sito

imagealt

Rassegna stampa di oggi, 22 settembre 2022

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal territorio

Senorbì. L’illuminazione pubblica sarà intelligente

Progetto Smart Cities: il Comune di Senorbì promotore di ricerca e innovazione. La Giunta comunale, convocata dal sindaco Alessandro Pireddu, ha approvato il progetto presentato dalla ditta Hera Luce per l’affidamento in concessione del servizio di gestione dell’impianto di illuminazione pubblica. Il progetto prevede un’importante novità, rappresentata dalla predisposizione degli stessi impianti ai servizi denominati Smart Cities che hanno l’obiettivo di raggiungere una maggiore efficienza energetica. Nella cittadina al centro della Trexenta verrà quindi sperimentata una nuova tecnologia nell’ambito dei sistemi intelligenti nella rete di illuminazione pubblica in grado di garantire un’efficace e costante risparmio energetico.

Altre notizie.

Inflazione, nell’Isola allarme sul caro-cibo

Associazioni dei consumatori in allarme per il caro-prezzi. L’impennata nell’ultimo mese dei costi dei prodotti alimentari in Sardegna, con l’inflazione che in tale comparto raggiunge nell’Isola quota 11,2%, contro una media nazionale del 10,5%, non fa dormire sonni tranquilli a nessuno. Lo denuncia Adiconsum Sardegna che, nel report presentato ieri, calcola le ripercussioni sulle tasche delle famiglie sarde. «Considerati i dati dell’Istat, oggi ogni singola famiglia residente in Sardegna è costretta a spendere 574 euro in più su base annua solo per mettere il cibo in tavola – spiega il presidente Giorgio Vargiu – Questo perché gli alimentari hanno subito rincari fortissimi: i prezzi sono cresciuti nell’ultimo mese del 10,2% a Cagliari, dell’11,7% a Sassari, con il record che spetta a Olbia-Tempio, dove i listini di cibi e bevande sono aumentati in media del +11,8%»

Eccellenze sarde al salone del gusto

Dal formaggio come il Fiore sardo Dop alla pasta tradizionale, preparata a mano, come sas lorighittas, su filindeu e sas tallutzas, ma anche la presentazione di un percorso enogastronomico nel Sulcis. La Sardegna con la sua storia, la sua cultura e i suoi sapori, da oggi fino a lunedì, è protagonista a Torino alla manifestazione Terra Madre- Salone del Gusto 2022 il cui obiettivo è mettere in luce il cibo che può essere una preziosa occasione di rinascita. Itinerari del gusto Verrà inoltre proposto un modello di viaggio lento, intenso e leggero guidato dalla volontà di vivere e conoscere la comunità ospitante.

Fondo imprese creative

Via libera ai contributi del fondo imprese creative per l’acquisizione dei servizi specialistici nel settore. Da oggi, alle 10, sarà possibile inviare le domande collegandosi alla pagina dedicata, che sarà comunicata sul sito di Invitalia nel giorno di apertura dello sportello, e inserire il “codice di predisposizione della domanda” rilasciato al termine della compilazione. Lo sportello resterà aperto fino ad esaurimento delle risorse, pari a 9,6 milioni di euro.

Il Pnrr per i Comuni

Si svolgerà martedì ad Arborea, dalle 9 alle 14 (salone parrocchiale, piazza Maria Ausiliatrice 7), il seminario “La programmazione economico finanziaria degli enti locali e l’attuazione del Pnrr: principali novità per il periodo di attuazione del piano e deroghe ai principi contabili”. Entro domani l’iscrizione da inviare via mail all’indirizzo segreteriaufficioformazione@ancisardegna.it.

Continuità, il bluff delle compagnie

Una mano sul cuore e l’altra sul fatturato. Dopo quattro mesi di voli senza il sostegno delle casse pubbliche, Ita Airways e Volotea annunciano – all’unisono – lo stop anticipato. Da febbraio il servizio dovrà essere puntellato dalle «compensazioni economiche» che negli ultimi vent’anni hanno garantito la mobilità dei sardi. Altrimenti i collegamenti con Roma e Milano rischiano di fermarsi. Le difficoltà indicate dalle compagnie sono le stesse affrontate in questi mesi da tutte le aziende: inflazione e caro-carburante. Ma forse c’è anche l’intenzione di voler aumentare i profitti in un momento in cui il traffico aereo è in ripresa, dopo due anni di grande sofferenza.

Due schede per ogni elettore: ecco come si vota

Giulio Zasso Le politiche del 25 settembre mettono gli elettori davanti a molti interrogativi, in primis le modalità di espressione del voto legate al complicato meccanismo del sistema elettorale misto maggioritario-proporzionale previsto dal Rosatellum. Non è una novità assoluta – questo schema di voto era già andato in scena alle Politiche del 2018 – ma stavolta c’è di mezzo la rivoluzione del taglio dei parlamentari. La riforma costituzionale porterà all’elezione di 400 deputati (finora erano 630) e 200 senatori (finora erano 315) ai quali si aggiungono i 5 “a vita”.