imagealt

Rassegna stampa di martedì 12 gennaio 2021

Oggi sull’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Campidano di Cagliari

Burcei: con voto unanime il Consiglio comunale ha approvato la mozione sul riconoscimento da parte dell’Unesco del paesaggio culturale della Sardegna e la definizione del suo territorio quale museo aperto. L’impegno, che investe il primo cittadino e la sua Giunta, è quello di porre in essere ogni possibile azione – verso i soggetti istituzionali competenti- affinché questi agiscano per orientare lo sviluppo dell’isola verso un modello pienamente sostenibile (pag. 27).

Trexenta

Nuovi investimenti nelle scuole di Senorbì. Una spesa di 158mila euro per la scuola media dell’istituto comprensivo “Luigi Mezzacapo”. I lavori saranno finalizzati all’adeguamento statico della struttura, all’adeguamento alla normativa antincendio e alle norme igienico-sanitarie. Inoltre, vi saranno anche degli interventi per l’efficientamento energetico, l’ammodernamento della rete dati e l’abbattimento delle barriere architettoniche (pag. 29).

Sarrabus e Gerrei

Villaputzu: senz’acqua per un giorno. Riparazione urgente nel pozzetto di piazza Sant’Antonio.

Escalaplano: il Sindaco Marco Lampis ha convocato per oggi il Consiglio comunale; tra i punti all’ordine del giorno la mobilitazione degli Enti Locali ed  azioni contro l’ipotesi di stoccaggio di scorie nucleari (pag. 30).

Altre notizie

Covid-19: Screening di massa

La popolazione ogliastrina -tra ieri ed oggi- concluderà la seconda fase dello screening di massa (due le tecnologie impiegate per una comparazione). La partecipazione della popolazione dei 23 comuni coinvolti sfiora l’80% (solo Ussassai -ieri- diserta il secondo esame per protesta, manca il medico di base da oramai tre anni).

Il Professor Crisanti, presente ieri a Lanusei, ringrazia i cittadini e le cittadine che, aderendo, hanno dimostrato fiducia ed esprime soddisfazione per il risultato. L’obiettivo, pertanto, sarà quello di raggiungere 1 milione di persone in tutta l’isola nei prossimi 3 mesi: “Diminuire la trasmissione e creare la sostenibilità locale. L’obiettivo -spiega Crisanti- è lasciare nel territorio le competenze e la capacità poi di seguire i casi sporadici residui […]”. Il punto di forza è che la Sardegna è un’isola, con vie di comunicazione non facili, bassa densità abitativa. Se si riuscirà ad arrivare ad una regione “Covid free”, avendo creato un valore, occorrerà poi trovare il modo di preservarlo (in copertina e a pag. 3).  

Scuola nel caos anche in Sardegna

Anche in Sardegna la questione scuola è esplosa. Nell’isola, come nella maggior parte delle altre Regioni, per gli istituti superiori si posticipa ulteriormente la data (forse febbraio) per la ripresa delle lezioni in presenza. Circa 73.000 il numero degli studenti e delle studentesse coinvolti/e.

Docenti, sindacati e presidi protestano; i genitori sono preoccupati per una lontananza così prolungata dalla scuola; gli esperti spigano quali rischi corrano i ragazzi e le ragazze senza la scuola; gli studenti e le studentesse, dopo quasi un anno di DAD (didattica a distanza), chiedono di poter rientrare in aula. Anche la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, manifesta dissenso soprattutto per quelle Regioni che, essendo in fascia gialla, aprono numerose attività e servizi ma non la scuola superiore. Eppure, dichiarano i presidi: “Eravamo pronti almeno per accogliere in aula il 50% degli studenti” (in copertina e a pag. 4).

L’approfondimento: 2020 in Gallura la fine di un’epoca

2020 è l’anno del definivo addio di Karim Aga Khan all’isola, a 60 anni esatti dal suo primo sbarco in Sardegna. Era il 29 dicembre 1960 quando egli fecce la sua prima visita a Monti di Mola. La Costa Smeralda, da Alisarda a Air Italy, un progetto imprenditoriale lungo decenni, una storia che ha fatto epoca e che si è chiusa definitivamente (pag. 10).