Responsive image

Rassegna Stampa

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Trexenta

Guasila. Tutta Guasila piange Nicola. «È come se avessi perso un figlio». Parla Ignazio Etzi, il proprietario dell’azienda in cui ha perso la vita Nicola Melas, schiacciato dal trattore che stava guidando. Una tragedia che ha sconvolto Guasila. Nicola aveva solo 16 anni e tanti sogni da realizzare. «Non riesco a crederci, non posso credere che sia successo», continua Etzi, allevatore 57enne molto conosciuto nel centro della Trexenta. È stato lui a trovare il corpo dello sfortunato ragazzo. (Segue dalla prima a pag. 32)

Gerrei

San Basilio. Sport, i bimbi e i genitori fanno squadra. Prende il via il progetto “Lo Sport siamo noi” nel comune di San Basilio. L’iniziativa voluta dall’amministrazione municipale punta ad avviare bambini e ragazzi tra i 6 e i 14 anni e le loro famiglie alla pratica sportiva, promuovendo i valori della condivisione, del rispetto dell’ambiente e dell’appartenenza al proprio territorio, proponendo loro corsi di minivolley, minibasket, calcetto. Le attività partiranno lunedì 10 maggio, per una durata di sei mesi, e prevederanno attività settimanali di tipo ludico-motorio all’aria aperta, grazie al contributo dell’associazione dilettantistica “Sport Village”, e sei eventi a carattere educativo che coinvolgeranno bambini, famiglie e tutta la cittadinanza di San Basilio. (pag. 33) 

Campidano di Cagliari

Burcei. Nel bilancio i fondi per riaprire la caserma. In arrivo a Burcei i ristori per le attività produttive, piccole e micro imprese bloccate dal Covid dallo scorso anno. Con l’approvazione del bilancio, sono stati stanziati per il 2021 quasi 47mila. «Il bando – dice il vice sindaco Marcello Malloru – sarà pubblicato nei prossimi giorni. Le attività che hanno subito chiusure e restrizioni potranno richiedere un contributo a fondo perduto, con l’unica clausola di essere in regola con il Durc, requisito essenziale per legge». Il Consiglio comunale ha approvato anche il Documento unico di programmazione, nel quale sono state elencate le azioni amministrative programmate per i prossimi tre anni. (pag. 29)

Altre notizie

Vaccini, da lunedì gli over 50. Il generale Figliuolo ordina l’accelerazione e impone alle Regioni di aprire da lunedì agli over 50 le prenotazioni per i vaccini. La Sardegna però resta agli ultimi posti in Italia. Il commissario dell’Ats Temussi dà il via alla campagna di immunizzazione di tutta la popolazione di Carloforte e La Maddalena, per rendere le isole Covid free e aprirle al turismo. A Cagliari protestano i tassisti, polemiche per i controlli negli aeroporti. (Segue dalla prima alle pag. 2, 3, 5, 6, 7)

Contagi in calo, ieri a quota 128 Due nuove vittime. Curva dei contagi in leggera discesa in Sardegna, ma ancora sopra 100. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 128 nuovi casi contro i 166 del giorno precedente. Si registrano anche due nuovi decessi (1.405 in tutto dall’inizio della pandemia). Complessivamente dall’inizio dell’emergenza i casi accertati di positività nell’Isola sono 55.274. In totale sono stati eseguiti 1.205.247 tamponi, con un incremento di 3.537 test rispetto al dato precedente. Il tasso di positività scende dal 4,6 al 3,6%. Calano ancora i ricoveri in ospedale. Sono 319 (-19) i pazienti in reparti non intensivi, 41 (-5) quelli in terapia intensiva. In isolamento domiciliare 15.636 persone, i guariti 37.865 (+374) mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 8. Sul territorio, dei 55.274 casi positivi complessivamente accertati, 14.477 (+35) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.356 (+22) nel Sud Sardegna (pag. 2)

Aeroporto e controlli: l’Isola verso l’estate, sicurezza a rischio. Nel tabellone degli arrivi dell’aeroporto di Elmas sono segnati appena nove voli giornalieri: quattro da Roma, tre da Milano, uno da Parma e l’altro da Trieste, e neanche con gli aerei pieni. Numeri ormai noti di un disastro che, però, rappresenterebbero –perché no? – la condizione migliore per ottenere il massimo della sicurezza per l’Isola con controlli anti Covid efficienti e mirati. (Pag 7)

Case vacanze, l’Isola sogna il boom. Il morale è alto, ma le dita restano saldamente incrociate. I gestori delle migliaia di strutture extra-alberghiere dell’Isola stanno infatti in queste settimane registrando la ripresa delle attività: i telefoni squillano e nelle caselle mail si moltiplicano le richieste di informazioni e prenotazioni di aspiranti vacanzieri che hanno scelto la Sardegna per le proprie ferie. La tendenza, confermata da associazioni e addetti ai lavori, è ancora timida, ma l’Isola si sta confermando, secondo le prime indagini, tra le destinazioni preferite da italiani e stranieri. D’altronde, al momento, potrebbe non esserci di meglio che gli spazi immensi e selvaggi della nostra terra per rassicurare anche il turista più titubante. Intoppi permettendo. Sì, perché la lezione è stata imparata più volte e a caro prezzo: il boom di presenze estivo e autunnale per le case vacanze sarà garantito solo in assenza di nuovi picchi di contagi che potrebbero cancellare in un attimo gli sforzi fatti per accogliere in sicurezza i turisti. (pag. 16)

«Annacquare il vino»: l’idea Ue che spaventa Coldiretti. L’idea di annacquare il vino non piace alla Coldiretti. L’associazione di categoria punta il dito contro il documento della Presidenza del Consiglio dei ministri dell’Unione europea, dove si propone di autorizzare la “dealcolazione”, ossia l’eliminazione dell’alcol anche dai vini a denominazione di origine o la riduzione in modo parziale della gradazione alcolica, aggiungendo dell’acqua. Questa, secondo Coldiretti, sarebbe «l’ultima trovata di Bruxelles per il settore enologico, già sotto attacco con la proposta di introdurre etichette allarmistiche per scoraggiarne il consumo, previste nella comunicazione sul “Piano d’azione per migliorare la salute dei cittadini europei”». (pag. 16)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Sarrabus

Villaputzu – Castiadas. Boom Castiadas, si svuota Villaputzu. C’è un Comune nel Sarrabus che (a sorpresa) cresce sempre più mentre gli altri arrancano. Il piccolo miracolo è quello di Castiadas e delle sue borgate in mezzo alle campagne. A certificarlo sono i dati dell’andamento demografico della popolazione negli ultimi vent’anni: da 1300 a 1700 residenti. Con una crescita costante, senza mai una flessione (a parte l’eccezione del 2017). «Abbiamo la fortuna – spiega il sindaco Eugenio Murgioni – di avere un territorio immerso nella natura da una parte e a pochi chilometri dal mare dall’altra. Sono sempre di più le persone che scelgono di trasferirsi in quest’oasi di pace». Tanti nuovi arrivi, insomma, ma anche nuove nascite: il numero delle famiglie è passato da 456 (2003) a 769 (2017) con una media componenti sempre superiore alle due unità. (pag. 34)

Trexenta

Guasila. Si ribalta il trattore, muore a 16 anni. Tragedia nelle campagne di Guasila. Un ragazzino di 16 anni, Nicola Melas, è morto schiacciato dal trattore che stava guidando. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, il ragazzo era a casa dei vicini e senza che nessuno se ne accorgesse ha preso il loro trattore per fare un giro. Dopo aver percorso un tratto sterrato, ha imboccato una salita ripida: il mezzo si è rovesciato e ha schiacciato Nicola. Sono stati gli stessi vicini a lanciare l’allarme ma i soccorsi sono stati inutili. La Procura di Cagliari ha aperto un’inchiesta. Il paese è sotto choc. (Segue dalla prima a pag. 9)

Campidano di Cagliari

Burcei. «Stop alle riunioni mattutine del Consiglio comunale». Basta con le riunioni dei Consigli comunali in mattinata. Le consigliere comunali di minoranza di Burcei, Tania Atzeni e Paola Zuncheddu, non ci stanno. Ieri l’assemblea è stata convocata per le 10 in video conferenza. Da approvare tra l’altro il bilancio passato con sei voti della minoranza. Il gruppo di Paola Zuncheddu si è astenuto. Assente invece Tania Atzeni che ha inviato in Municipio una lettera di protesta con l’invito di lettura a inizio dei lavori. Assente il sindaco Simone Monni, a leggere la nota della consigliera di opposizione è stato il vice sindaco Marcello Malloru. Atzeni parla dei disagi che si creano e della impossibilità anche dei cittadini di seguire i lavori per motivi vari, lavoro compresi. (pag. 34)

Altre notizie

Il pass verde per i turisti «La Sardegna è pronta». Quel «siamo pronti ad accogliervi tutti», detto da Draghi a mo’ di buon auspicio, non vede l’ora di poterlo dire anche la Sardegna, che di turismo vive e soffre le pene dell’inferno da quando è scoppiata la pandemia. Perciò la notizia dell’arrivo del pass verde per le vacanze viene accolta positivamente ma senza troppo entusiasmo dal fronte degli operatori che se l’aspettavano già dalla scorsa estate. Le imprese Ma quel che interessa ora a Federalberghi, tra gli attori principali del turismo, sono le prossime mosse della Regione. (pag. 3)

Vaccini, il portale aperto ai diabetici. Qualcosa si muove per i fragili e gli estremamente vulnerabili. Anche la promotrice della class action che raggruppa migliaia di sardi in attesa, Aurora Simeone, è stata convocata: «Ho ricevuto la chiamata», ha scritto su Facebook, «e con maggiore determinazione continuo la lotta con e per tutti quelli che sono stati dimenticati». Da oggi a mezzogiorno – annuncia la Regione – sul portale vaccinocovid.sardegnasalute.it tutti i diabetici dai 16 anni in su (con il codice d’esenzione 013) possono registrarsi e dare l’adesione, in seguito riceveranno un sms per l’appuntamento. (pag. 4)

Contagi in salita. Cinque le vittime. In salita la curva dei contagi nell’Isola, e ci sono altre cinque vittime. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 166 nuovi casi. In totale sono stati eseguiti 1.201.710 tamponi, per un incremento complessivo di 3.564 test rispetto al dato precedente. Il tasso di positività è al 4,7%. Sono 338 (-16) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, 46 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 15.863 e i guariti sono complessivamente 37.491 (+354) mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono 5. Sul territorio, dei 55.146 casi positivi complessivamente accertati, 14.442 (+34) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.334 (+20) nel Sud Sardegna, 4.897. (pag. 4)

Colonnine, c’è il bando. È stato pubblicato il bando per la realizzazione di infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici lungo le principali reti viarie della Sardegna. Il finanziamento consiste in un contributo a fondo perduto fino al 75% dei costi ammissibili e a un massimo di 30.000 euro a proposta. Il bando, dell’assessorato regionale all’Industria, è di 2.400.000 euro: domande dalle 9 del 25 maggio fino alle 14 del 28 settembre 2021 sul sistema Sipes Ras. (pag. 18)

Giovani e lavoro, l’anno più nero. La Sardegna è al terzultimo posto in Italia per le assunzioni di giovani e l’anno scorso, a causa della pandemia, sono sfumati 11.722 posti di lavoro per gli under 35. Rispetto al 2019 c’è stato un crollo di occupati del 9,1%, a fronte di un calo medio nazionale del 5,1%. È lo scenario che appare da un’analisi dell’Ufficio studi di Confartigianato Imprese Sardegna, focalizzato sulla situazione dell’occupazione giovanile a livello regionale tra il 2019 e il 2020, basato su dati Istat, UnionCamere e Anpal. (pag. 18)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Trexenta

Campagna vaccinale. Dopo aver vaccinato gli ultraottantenni di Senorbì, il Comune è già al lavoro per l’apertura dell’Hub a disposizione dell’intera Trexenta. Si è conclusa la somministrazione dei vaccini anti Covid 19 ai cittadini più anziani secondo il programma deciso in base alle iniziali dei cognomi. Il personale sanitario ha somministrato le seconde dosi di Pfizer agli over 80 e a diversi riservisti, selezionati tra la popolazione anziana e le altre categorie prioritarie. Una decisione presa per essere certi che le dosi disponibili non andassero sprecate. In totale sono state somministrati 252 vaccini per due dosi. (pag. 30)

Suelli. Il Tar: il sindaco Garau resta in sella. Il sindaco Massimiliano Garau resta in sella: rigettato il ricorso al Tar. Il risultato delle elezioni comunali di Suelli è stato confermato anche dai giudici amministrativi che hanno respinto il ricorso presentato dal gruppo di opposizione “Primavera Suellese”. Il capogruppo Gianluca Cannas, rappresentato dagli avvocati Andrea e Paolo Pubus, chiedeva l’annullamento o la correzione dell’atto di proclamazione degli eletti relativo alla elezione diretta del sindaco e del Consiglio comunale di Suelli svoltasi il 25-26 ottobre 2020 e del verbale delle operazioni di spoglio. Queste le principali contestazioni: il seggio elettorale sarebbe stato composto da simpatizzanti della lista “Suelli Cambi@” poi risultata vincitrice, lo scrutinio è avvenuto senza pubblico e inoltre non sarebbe stato del tutto garantito il diritto di voto dei cittadini. (pag. 30)

Senorbì. Agricoltori in ginocchio dopo il maltempo. Il Comune di Senorbì ha dichiarato lo stato di calamità naturale per i gravi danni subiti a seguito delle gelate delle scorse settimane. A deciderlo è stata la Giunta che su proposta del sindaco Alessandro Pireddu, ha ribadito la volontà di sostenere in particolare gli imprenditori agricoli che hanno subito grosse perdite a causa delle bizze del maltempo. È pesante il quadro che emerge in seguito alle rilevazioni effettuate dalle aziende di Senorbi e delle frazioni Arixi e Sisini dopo le gelate del mese di aprile che hanno interessato un territorio a grande vocazione agricola costretto a fare i conti con perdite che superano abbondantemente il 50 per cento delle produzioni. Con la dichiarazione dello stato di calamità da parte del Comune gli agricoltori danneggiati potranno accedere più facilmente agli indennizzi della Regione. (pag. 29)

Altre notizie

Medici di famiglia in campo: «Solo 200 adesioni? Falso». Proprio i due finiti nell’occhio del ciclone, AstraZenega e Johnson &Johnson, sono quelli su cui il Governo fa maggiore affidamento per accelerare la campagna vaccinale in tutta Italia. Il commissario Francesco Figliuolo sta per dare il via libera a un loro utilizzo senza più limiti sugli under 60, un cambiamento di rotta che inevitabilmente si scontrerà con la paura-psicosi della gente di fare i due vaccini a vettore virale. (pag. 2)

Vaccini tra alti e bassi. Mancano 30mila over 80. Il pasticcio fatto con i diabetici ha messo un altro bastone tra le ruote della campagna vaccinale che, anziché fare passi avanti, sta tornando indietro. Ieri l’aggiornamento del report quotidiano del Governo ha registrato quasi 30mila dosi in più in 24 ore, ma è evidentemente una somma anche di numeri dei giorni passati, non si sa quanti, e questo la dice lunga su come vengono registrati e diffusi. Siamo arrivati, un paio di settimane fa, al quarto posto in Italia per somministrazioni ogni 100mila abitanti, adesso siamo scesi al quint’ultimo posto. Gli over 80 non sono terminati il mese passato, come assicurato; con gli altri anziani le percentuali di immunizzazione sono basse; gli hub funzionano a macchia di leopardo, ritmi serrati e continui alla Fiera di Cagliari e a Quartu, disguidi e inefficienze in altri, e i punti territoriali operano soltanto alcuni giorni a settimana; i fragili – che hanno priorità assoluta – sono sul sentiero di guerra, un gruppo di loro, dopo esposti in Procura e una lettera al generale Figliuolo e ai parlamentari sardi, ieri ha scritto al presidente della Repubblica chiedendo aiuto. (pag. 3)

«Da metà mese un pass per i turisti e niente coprifuoco». Dalla seconda metà del mese l’Italia riapre ai turisti: «La pandemia ci ha costretto a chiudere, ma siamo pronti a ridare il benvenuto al mondo», dice il presidente del Consiglio Mario Draghi annunciando che si potrà tornare a viaggiare in tutto il paese con un “pass verde nazionale” simile a quello introdotto con l’ultimo decreto legge, che consente lo spostamento anche nelle regioni arancioni o rosse, in attesa che entri in vigore il green pass europeo previsto per metà giugno. (pag.4)

Poco sopra quota 100 i nuovi casi registrati, la positività è al 3,5%. Salgono a 54.980 i casi di positività al Covid-19 accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza: nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 104 nuovi contagi, in aumento rispetto a due giorni fa ma con più tamponi effettuati, 2.919 test, e un tasso di positività che scende al 3,5%. Si registrano anche cinque nuovi decessi (1.398 in tutto). In calo i ricoveri: sono 354 (-4) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, 47 (-4) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 16.042 e i guariti sono complessivamente 37.137 (+423) mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 2. Nell’Isola, dei 54.980 casi positivi complessivamente accertati, 14.408 (+19) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.314 (+23) nel Sud Sardegna. (pag. 4)

Nuraghi all’Unesco, verso la volata finale. Il problema è di chi non c’è. Perché non essere nella foltissima e inesauribile lista di chi sostiene la richiesta di iscrizione dei nuraghi fra i beni tutelati dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità, qualcosa vuol dire. La Sardegna è scesa in campo in modo massivo per dire sì: enti locali e banche, compagnie di navigazione e organizzazioni di categoria, lo sport al massimo livello e l’accademia. Da ultimo la Regione ci ha messo il carico da novanta. (pag. 6)

Strategie di marketing. Promocamera, l’azienda della Camera di Commercio di Sassari, organizza un percorso formativo dedicato ai Social Media Management. Maggiori informazioni, per le iscrizioni che scadranno il 10 maggio, su www.promocamera.it (pag. 15)

Psr e giovani agricoltori. Il biennio di transizione del Psr 2021-22 sarà al centro del nuovo incontro di Coldiretti Giovani Impresa Sardegna in programma oggi alle 18 sulla pagina Facebook dell’associazione. (pag. 15)

Lino Cianciotto : io sono “Una guida in gamba”. Un avverbio accompagnato da un aggettivo fanno la differenza. Perché in quel diversamente disabile, scelto come sottotitolo del suo libro-biografia “Una guida in gamba”, c’è l’essenza che ispira la vita di Lino Cianciotto: «È una definizione di un amico e a me piace molto. Se è vero che, come ci hanno insegnato a scuola, due negazioni affermano, allora posso ben dire che diversamente disabile equivale a perfettamente abile». Figlio di minatore Cinquantanove anni il prossimo 30 luglio, è nato a Muravera da genitori fonnesi, ma il lavoro di minatore del padre lo ha portato fin da piccolo a Fluminimaggiore. Chi non lo conosce potrebbe avere il sospetto che si tratti di un abile esercizio linguistico per esorcizzare una condizione di oggettivo svantaggio dovuta all’amputazione della gamba destra. (pag. 48)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Sarrabus

San Vito. «Diamo la cittadinanza onoraria al Milite ignoto». Una proposta della minoranza per conferire la cittadinanza onoraria al Milite ignoto. È stata depositata nei giorni scorsi dai consiglieri Alberto Cuccu, Monia Piroddi, Alessio Fontana e Alberto Podda. «Nell’anno del centenario della tumulazione del Milite ignoto – ha detto il capogruppo Alberto Cuccu – l’Anci ha avviato un progetto per il conferimento da parte di tutti i Comuni d’Italia della cittadinanza onoraria al Milite ignoto. Chiediamo dunque che San Vito aderisca anche perché conferire l’onorificenza in questo periodo di pandemia assume un valore simbolico ancora più rilevante». (pag. 29)

Villaputzu. A caccia di fondi per il ponte. Due milioni e mezzo di euro per mettere in sicurezza il ponte in ferro che collega i paesi di Muravera e Villaputzu. È questo l’importo del progetto complessivo portato avanti dalla Provincia del sud Sardegna. Al momento i fondi disponibili sono 700mila euro. (pag. 29)

Gerrei

San Basilio – Cagliari. L’Osservatorio astronomico di Cagliari dell’Istituto nazionale di astrofisica ha bandito un concorso per due operatori tecnici, per l’ufficio tecnico e i servizi generali, nell’ambito della gestione delle strutture edilizie e degli impianti tecnologici a supporto del Sardinia Radio Telescope. Domande entro domenica 16 maggio. Il bando è in www.oa-cagliari.inaf.it (pag. 13)

San Basilio. Un aiuto economico per abbattere le barriere architettoniche nelle case. Il Comune di San Basilio aderisce al bando dell’assessorato regionale ai Lavori Pubblici per la concessione di contributi per la realizzazione degli interventi finalizzati al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati post 1989. Il contributo a fondo perduto sarà concesso per gli immobili privati in cui risiedono persone diversamente abili. (…) Le domande dovranno essere presentate entro il primo settembre 2021. (pag. 29)

Trexenta

Siurgus Donigala. Operaio forni e infermiere. La filiale di Cagliari di E-Work per un’azienda che opera in provincia di Cagliari ricerca un operaio specializzato che si occuperà del controllo e alimentazione dei forni presenti all’interno dell’attività. (…) Sempre la filiale cagliaritana di E-Work ricerca un infermiere professionale da inserire in una comunità integrata per anziani non autosufficienti. (…) La sede di lavoro sarà Siurgus Donigala (info: www.e-workspa.it).(pag. 13)

Guasila. Polemica sulle mancate risposte. Polemica in Consiglio comunale. «L’amministrazione non risponde alle interrogazioni o agli accessi agli atti su argomenti importanti per la comunità», protestano i rappresentanti della minoranza Davide Schirru e Riccardo Cadeddu. I consiglieri di “Fratelli d’Italia Guasila-Trexenta” hanno presentato una diffida alla sindaca Paola Casula, inviata per conoscenza anche alla segretaria comunale Serena Copersino e al prefetto di Cagliari Gianfranco Tomao. (pag. 29)

Senorbì. Impianti sportivi, il Comune riflette sulla gestione. Prima i lavori sulle aree sportive, poi l’affidamento in gestione per creare nuovi posti di lavoro. L’amministrazione comunale ha approvato il progetto che prevede la realizzazione di una serie di interventi finalizzati a rendere più moderni gli impianti sportivi. Sono già stati completati i lavori per la messa in sicurezza delle tribune dello stadio consentendo, quando le competizioni dilettantistiche potranno riprendere in piena sicurezza, ai tifosi di seguire i loro beniamini nelle partite disputate in casa. Inoltre sono stati stanziati 45 mila euro del bilancio comunale per assicurare la gestione e la pulizia del campo da calcio Renato Sirigu e del Palazzetto dello sport di via Tevere. Gli investimenti sullo sport rendono più urgente definire le modalità di affidamento e utilizzo degli impianti rimessi a nuovo. (pag. 30)

Altre notizie

L’Isola riaccende i motori «Ora aspettiamo i turisti». Si riparte, per l’ennesima volta in un anno. Con la speranza che sia l’ultima riapertura dopo tre settimane di stop forzato e con la consapevolezza che se così non dovesse essere rialzare le serrande per molti sarà un’azione impossibile. «Il 25 % delle imprese rischia di chiudere definitivamente. Il clima è teso, bisogna stare attenti», tuona Roberto Bolognese, numero uno di Confesercenti Sardegna. L’Isola da ieri vive in zona arancione «per un periodo di quattordici giorni, ferma restando la possibilità di una nuova classificazione», si legge nell’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza con la quale ha istituto appunto questa fascia in Sardegna. Oggi l’assessore regionale Mario Nieddu nella Conferenza Stato-Regioni ribadirà quel che predica da giorni, e cioè che «registriamo dati da zona gialla da due settimane per cui chiederò, numeri Covid permettendo, di passare in quella fascia subito, già a partire dalla settimana a prossima». (pag. 3)

In Sardegna netto calo dei contagi. Primo giorno di zona arancione per la Sardegna, dopo tre settimane in rosso. E si registra un netto calo dei contagi, tornati sotto quota 100 dopo diverse settimane: nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati, infatti, solo 61 casi (per trovare un dato inferiore bisogna tornare all’1 marzo con 45) su 1.436 tamponi eseguiti, con un tasso di positività del 4,2%. Salgono così a 54.876 i casi positivi al Covid complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. In totale sono stati eseguiti 1.195.227 tamponi. Si registrano anche quattro nuovi decessi (1.393 in tutto). Sono, invece, 358 (-4) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, 51 (+2) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 16.356 e i guariti sono complessivamente 36.714 (+180) mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 4. Sul territorio, dei 54.876 casi positivi complessivamente accertati, 14.389 (+37) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.291 (+6) nel Sud Sardegna. (pag. 4)

Vaccini, la brusca frenata della Sardegna. Quante volte, Figliuolo? Fosse per il generale dell’Esercito prestato al ruolo di commissario per l’emergenza nazionale da Covid-19, la risposta sarebbe 17mila al giorno, trattabili al ribasso a quindicimila. Ma proprio mentre il mezzo milione di dosi di vaccino inoculate quotidianamente in tutta Italia diventa un traguardo raggiunto, la Sardegna la settimana scorsa ha arrancato: aveva dimostrato grandi capacità di iniettare le dosi, e all’improvviso ha messo insieme una settimana da 60.710 iniezioni in totale. Dunque, una misera media di 8.673 al giorno. Gli intoppi Davvero poca cosa, specialmente ora che gli arrivi delle fiale si sono diversificati per marca (sono stati distribuiti anche i Johnson & Johnson) e sono un po’ più puntuali. «Se non fosse», fa però notare Mario Nieddu, assessore regionale alla Sanità, «che quando le scorte di vaccini si esauriscono, com’e ovvio, è impossibile iniettarle ed è proprio quanto accaduto la settimana scorsa». Per la precisione è finito l’AstraZeneca: dunque stop alle vaccinazioni nella fascia d’età tra i 60 e 79 anni. (pag. 5)

Olio straniero, l’invasione continua. L’oro di Sardegna è sotto attacco. Non è infatti bastata l’emergenza sanitaria ad arrestare l’entrata di tonnellate di olio straniero in Italia. Anzi, l’aumento dei consumi domestici durante i vari lockdown, a discapito di quelli del settore della ristorazione, ha aperto le porte della grande distribuzione a milioni di litri da oliveti oltre confine, costringendo la Coldiretti a lanciare l’ennesimo allarme ai consumatori. L’associazione agricola, sulla base di una ricerca di mercato condotta dal portale di comparazione prodotti “il Salvagente“, secondo la quale, dice l’associazione: «Ben 7 miscele di oli stranieri venduti come extravergini sui 15 analizzati al panel test sono risultati essere dei semplici oli di oliva vergine». Un fenomeno inquietante che minaccia l’altissima qualità delle materie prime sarde, che rischiano di essere oscurate da prodotti venduti a prezzi stracciati. (pag.14)

Il “Sileno” 1° per qualità-prezzo. A dispetto delle difficoltà del momento e della “storica” incapacità del mondo enologico sardo di varcare i confini dell’Isola e di competere sui mercati nazionale e estero, i vini sardi continuano a raccogliere riconoscimenti e premi. Ultimo in ordine di tempo quello assegnato al “Sileno Riserva 2014“, prodotto dall’azienda Ferruccio Deiana di Settimo San Pietro. (…) La qualità dei vini sardi è cresciuta in maniera esponenziale ma i produttori isolani hanno bisogno di muoversi in modo coordinato per competere. Perciò è stato chiesto alla Regione di istituire un tavolo di confronto fra tutti gli attori del mondo enologico isolano. (pag.14)

Giovani agricoltori: portale web per i sussidi. È aperto il nuovo portale “Più Impresa”, dedicato all’imprenditoria agricola giovanile, con l’estensione del contributo a fondo perduto fino al 35% delle spese ammissibili e, in abbinamento, del mutuo a tasso zero per la restante parte, nei limiti del 60% dell’investimento. (…)  Maggiori informazioni sul sito www.ismea.it (pag.14)

Webinar sul turismo. Nell’ambito delle azioni previste dalla campagna Archeologika, giovedì 6 maggio dalle 15 alle si terrà un webinar dal titolo “La promozione del prodotto turistico culturale. (…) Maggiori informazioni sul sito www.csimprese.it (pag.14)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Trexenta

Selegas. Insulti al paese con un finto account. Furto d’identità ai danni di un imprenditore di Selegas. Protagonista della disavventura è Andrea Paolo Pisano, 41enne originario di Selegas ma da tempo residente a Cagliari, che nelle ultime settimane ha avuto il suo bel da fare per convincere amici e semplici conoscenti che il profilo Facebook nel quale comparivano di frequente offese e accuse nei confronti della comunità del paese non era il suo. Qualcuno aveva creato un profilo falso con lo stesso nome e la stessa foto dell’imprenditore, oltre ad altri profili frutto di fantasia appartenenti a delle ipotetiche persone immigrate negli anni Sessanta dal piccolo paese della Trexenta, in particolare uno (molto attivo) di una certa signora Todde mai esistita. (segue dalla prima)

Altre notizie

Sardegna, via al periodo arancione. Dopo un mese in rosso, la Sardegna da oggi è in fascia arancione e scattano le nuove regole, dagli spostamenti alle attività sportive. L’assessore alla Sanità Nieddu domani ha un incontro con il Governo per chiedere, numeri permettendo (ieri 124 nuovi casi, due decessi e indice di positività al 3,5%) di anticipare l’ingresso in zona gialla a lunedì prossimo, senza aspettare dunque i quindici giorni come stabilisce l’ordinanza del ministro Speranza. Intanto debutta anche il pass verde per potersi spostare, senza alcuna giustificazione, da una regione all’altra. Sul fronte vaccinazione il generale Figliuolo detta la linea: «Ora gli over 65», anche se nell’Isola protestano i “fragili dimenticati” dall’Ats. (segue dalla prima alle pag. 2, 3, 4, 5)

Turismo, debutta il pass verde in attesa della stagione estiva. Il resto d’Italia ha annusato l’aria di normalità nel weekend del Primo Maggio, non che ci fosse il pienone in stazioni ed aeroporti ma un pò di movimento nelle città d’arte e nelle località di mare si è visto, quello che potrebbe succedere all’Isola nel prossimi giorni. (pag. 3)

Covid-19 Spostamenti liberi all’interno del proprio Comune. Dai viaggi allo sport, le nuove regole dell’Isola arancione. Si cambia colore, si volta pagina. E non si tratta di semplici sfumature che dal rosso vanno sull’arancione. Da oggi, e per massimo quindici giorni, cambiano le norme Covid da rispettare dopo un mese trascorso in zona rossa. E si rimane in attesa che le interlocuzioni tra l’assessore regionale alla Sanità e il ministero della Salute vadano a buon fine. «La Sardegna registra dati da zona gialla già da due settimane – ha sottolineato infatti Mario Nieddu – La prospettiva è una permanenza di due settimane nella nuova fascia. (pag. 2)

«Ora gli over 65, poi le categorie produttive». Il commissario per l‘emergenza Figliuolo preme sull’acceleratore e annuncia che, dopo aver messo in sicurezza gli over 65 – vaccini a tutte le classi di età e poi agli studenti. In Sardegna l’Ats cerca di recuperare il tempo perduto semplificando le procedure per chi ha più di 80 anni. E sempre dall’Isola arriva una lettera spedita al generale Francesco Figliolo dai fragili “dimenticati”. Vaccini per tutti «Dobbiamo premere sulle classi over 60, per le quali la media di somministrazioni è ancora bassa. Ma appena messi in sicurezza gli over 65, la campagna vaccinale si aprirà a tutte le classi di età anche per classi produttive come il settore alberghiero». A dirlo è il commissario per l’emergenza, Francesco Figliuolo. (pag. 4)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Sarrabus

Villaputzu. Fumata bianca: l’ex Orientale passa ai Comuni. La fumata bianca è arrivata ieri mattina: l’ex Statale 125, la strada che attraversa i centri abitati di Muravera (via Roma) e Villaputzu (via Nazionale), passa direttamente in mano ai Comuni. Una decisione che riguarda esclusivamente il tratto urbano, quasi tre chilometri a Muravera e altrettanti a Villaputzu. Non soltanto: dalla Provincia (l’ente proprietario della strada) dovrebbero arrivare un milione e 200 mila euro per tappare le buche e rifare completamente l’asfalto. L’incontro L’accordo è stato raggiunto nel corso di un vertice tra il commissario della Provincia del sud Sardegna Mario Mossa, il sub commissario Ignazio Tolu e i sindaci Salvatore Piu e Sandro Porcu. I due Comuni come prima cosa dovranno inoltrare alla Provincia l’istanza per prendersi carico della ex Statale 125. (pag. 30)

Gerrei

San Nicolò Gerrei. Fondi dal ministero dell’Interno. Il Comune di San Nicolò Gerrei ha approvato il progetto esecutivo per gli interventi sulle strade rurali per la messa in sicurezza del patrimonio comunale. I lavori saranno realizzati grazie ai contributi stanziati dal ministero dell’Interno destinati ai Comuni con numero di abitanti inferiore a mille e utilizzabili per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale, per l’abbattimento delle barriere architettoniche, per gli interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile. La somma complessiva stanziata destinata al Comune di San Nicolò Gerrei è di 81 mila euro. (pag. 30)

Altre notizie

Vaccini, rivolta dei “fragili” «Disdette? Accuse assurde». Nessuna fuga dal vaccino, accuse assurde e ingiustificabili. Le associazioni dei pazienti fragili respingono le perplessità di Solinas (3 su 4 indisponibili): «Semmai è il sistema sanitario inadeguato», replicano. Ma dalla Regione confermano i numeri. La Sardegna aspetta dal Governo l’annuncio della zona arancione, dopo tre settimane in rosso. Ieri sono stati registrati 7 nuovi decessi e 207 contagi, tasso di positività al 5,3%. (Segue dalla prima alle pag. 2, 3, 5, 7)

Giù contagi e ricoveri ma nel bilancio si contano altri 7 morti. Calano i contagi e i ricoveri ma la Sardegna piange sette nuove vittime del Covid 19. L’ultimo bollettino dell’Unità di crisi regionale ieri sera ha segnato 207 nuovi casi di positività nell’Isola per un bilancio complessivo di 54.260 persone colpite dal virus dall’inizio dell’emergenza. Il miglioramento leggero lascia sì la speranza di uno scenario un po’ più roseo con meno restrizioni e vincoli ma i dati aggiornati ieri suggeriscono ancora un cauto ottimismo. I sette nuovi decessi che si inseriscono nella lista portano il totale dei morti nell’Isola a 1381 complessivamente. (…) Sul territorio, dei 54.260 casi positivi complessivamente accertati, 14.181 (+71) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.190 (+19) nel Sud Sardegna, 4.800 (+29) (pag. 5).

Economia circolare. Sono 37 i chili che ogni abitante della Sardegna dovrebbe fare a meno di produrre come rifiuto entro il 2022. Soluzioni per “alleggerirsi” e iniziare a pensare in modo Circolare saranno proposte durante il convegno del 3 maggio di Medsea “Circolarità in Sardegna, dai modelli di produzione e gestione al consumo intelligente di cibo e beni di uso quotidiano”. L’evento sulla pagina Facebook di Medsea. (pag. 15)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Sarrabus

L’Unione assume un geometra. L’Unione dei Comuni del Sarrabus prova ad andare avanti nonostante le difficoltà. I sindaci di Villaputzu, San Vito, Villasimius e Castiadas (Muravera assente) hanno nominato il nucleo di valutazione, una delle funzioni ancora in capo all’Unione: i componenti sono Andrea Boi e Ilaria Saba. (pag. 34)

Gerrei

Escalaplano. Da lunedì riapre la farmacia. La farmacia di Escalaplano verrà riaperta lunedì dopo tre settimane di chiusura. La gestione provvisoria del servizio è stata assegnata a Luisa Tramatzu, già farmacista di Goni. Le serrande del presidio farmaceutico di corso Sardegna si erano abbassate il 12 aprile scorso. I farmacisti Frongia di Ballao, che gestivano in forma provvisoria dal 2013 anche il servizio di Escalaplano, hanno aperto una farmacia in Gallura, motivo per cui i presidi sono stati chiusi in entrambi i paesi. Spettava alla Regione individuare i gestori provvisori delle strutture, nominando il professionista della sede più vicina al paese interessato. Gli escalaplanesi in questo lasso di tempo hanno ovviato alla problematica dettata dalla chiusura, recandosi nei paesi limitrofi per acquistare i medicinali. (pag. 33)

Escalaplano/Seui. Salta la trasferta per le cresime a Esclaplano. Salta la trasferta per le cresime a Escalaplano. I ragazzini della forania di Seui (che comprende, oltre Escalaplano, i cinque Comuni della Barbagia di Seulo) non andranno, per il momento, ad Escalaplano per ricevere il sacramento. In tempi normali sarebbe stata un’occasione di festa ma durante la pandemia, per giunta in zona rossa, quell’occasione ha finito col sollevare più dubbi che allegria. (pag. 33)

Trexenta

«Richiamo a rischio per 60 pazienti». Sessanta pazienti fragili della Trexenta rischiano di restare senza la seconda dose del vaccino anti-Covid. A lanciare l’allarme è Giampaolo Meloni, medico di medicina generale di Guasila con ambulatori a Guasila, Guamaggiore e Pimentel che, nelle scorse settimane, ha somministrato la prima dose di Moderna ai suoi pazienti fragili, ultraottantenni e allettati. «Appena a noi medici di famiglia è stata data la possibilità di richiedere i vaccini per dare il via all’immunizzazione sul territorio non me lo sono fatto dire due volte – racconta Meloni –, ho seguito le indicazioni previste e mi sono recato all’ospedale Binaghi di Cagliari per ottenere le dosi che mi sarebbero spettate». L’intoppo È stata una procedura semplice, che – proprio grazie al coinvolgimento dei professionisti di medicina generale – avrebbe dovuto imprimere un’accelerazione al piano vaccinale della Sardegna. Ma le cose si sono subito complicate. (pag.4)

Senorbì. La truffa dei mobili in affitto. Una truffa da più di 350mila euro è stata scoperta dai carabinieri di Senorbì. Sono ventinove gli indagati della Procura. Tra questi Nicola Corona (impiegato 37enne, residente a Sestu) e Fabrizio Melis (49 anni, residente a Decimomannu), considerati gli ideatori della maxi truffa. I due, secondo la ricostruzione dei carabinieri, sarebbero riusciti a raggirare ripetutamente le società “Euroconsulting Rental” con sede a Bernareggio (Monza) e “Grenke Locazione”, che si occupano di arredi da ufficio, di cui erano rappresentanti per la Sardegna. (pag. 33)

Altre notizie

Fuga a sorpresa dal vaccino. Tre pazienti fragili su quattro, l’altro ieri, hanno rifiutato il vaccino Pfizer. L’ha detto il presidente Solinas in Consiglio. E l’assessore Nieddu: «In queste condizioni diventa difficile mandare avanti la campagna vaccinale». Intanto nell’Isola si guarda al verdetto del Governo sulla zona anche se molti indicatori proiettano l’Isola verso la zona arancione». (Segue dalla prima alle pag. 2, 3, 4, 5)

«La vita non tornerà come prima». «Un’ora in più o in meno non cambia nulla, quello che conta è il comportamento di ciascuno di noi, mattina, sera e notte. Non è il coprifuoco che fa la differenza, ma la responsabilizzazione delle persone, il rispetto delle quattro misure chiave – mascherine, distanziamento, igiene delle mani e aerazione – e i controlli. Sembra che la gente non abbia ancora compreso che dobbiamo dimenticarci per sempre la vita di prima della pandemia», dice Gabriele Mereu, responsabile sanitario dell’hub vaccinale della Fiera di Cagliari e del Servizio igiene e profilassi della Assl 8. Il dibattito Il tema “coprifuoco” riscalda il dibattito a tutti i livelli, politico, scientifico, economico, e divide l’Italia (ci sono 15 Paesi europei che l’hanno introdotto). (pag. 2)

«I contagi in calo, l’Isola si avvicina alla fascia arancione». La formula è: cauto ottimismo. E in effetti esiste una buona possibilità che la Sardegna lunedì si svegli in zona arancione. Che non sarà una svolta epocale ma dopo tre settimane di rosso può essere l’inizio della ripresa soprattutto per chi campa di aperture e serrande alzate, ma non solo. I commenti «Non dovrebbero esserci problemi – afferma l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu – Mi auguro che venerdì ci diano la fascia arancione, compatibilmente con i dati ufficiali». Dal politico all’esperto, stesso cauto ottimismo. (pag. 3)

Verso il distretto rurale. Domani alle 16.30 su Zoom Pro si terrà il secondo dei sei webinar volti a definire, con imprese agricole, Comuni e associazioni di categoria, la strategia del piano programmatico del costituendo distretto rurale Sud Sardegna. Iscrizioni: https://zoom.us/meeting/register/tJErdO-trTgtHNdOSHarmo2Ub006ou55a13E o 3452196197. (pag. 18)

Incentivi, ultima chance. Ultima chiamata (scade domani) per usufruire del pacchetto di incentivi fiscali a disposizione di chi investe in start up e Pmi innovative: la nuova piattaforma del Mise raccoglie le istanze di chi chiede il bonus del 50% sul capitale investito, col vincolo di almeno 3 anni. (pag. 18)

Braccianti e operai: A noi niente bonus. I lavoratori agricoli sardi aderiscono allo sciopero generale indetto da Cgil, Cisl e Uil per denunciare la mancanza di politiche dedicate al loro settore. Braccianti, operai e impiegati, si asterranno dal lavoro anche nell’Isola per spingere il Governo e il Parlamento ad adottare «provvedimenti capaci di correggere le iniquità contenute nel decreto Sostegni. Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil affidano a una nota congiunta le loro rivendicazioni. (pag. 19)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Sarrabus

Villaputzu. Contributi. Pubblicato il bando del Comune per l’assegnazione dei contributi a fondo perduto alle attività economiche in difficoltà. Domande entro il 20 maggio. (pag. 30)

San Vito. Bolletta più leggera, sì al cambio dei lampioni. Il nuovo progetto da 700 mila euro per il rifacimento dell’illuminazione pubblica di San Vito potrebbe portare ad un risparmio di oltre 40 mila euro l’anno. È quanto prevede il sindaco Marco Antonio Siddi in base al piano presentato dalla società che dovrebbe gestire l’impianto: «Si passerebbe – ha detto il primo cittadino – da una spesa di 200 mila euro annui a circa 158 mila euro. Si tratta di un project financing, una cooperazione cioè tra operatori privati e pubblica amministrazione. Ci sarà un consistente risparmio energetico e, allo stesso tempo, un servizio migliore». Il progetto prevede l’adeguamento e la messa in sicurezza dell’impianto e quindi il contenimento dell’inquinamento ambientale attraverso la sostituzione delle lampade vecchie con quelle a led. (pag.30)

Gerrei

Vaccini, si accelera: prima dose inoculata a centinaia di anziani. Prosegue la campagna vaccinale nei comuni del Gerrei. A Ballao, su 84 persone over 80, hanno aderito in 63 ed è stato somministrato loro il vaccino anti Covid-19 Pfizer. (…) Per gli anziani del paese l’inoculazione della seconda dose è prevista per il 5 maggio. Adesioni massicce Nel comune di Armungia sono stati 59 gli ultraottantenni, su 80 aventi diritto, che hanno aderito alla campagna e a cui è stata inoculata la prima dose. La somministrazione della seconda dose avverrà il 6 maggio. A Silius, su 97 ultraottantenni 36 si sono sottoposti alla somministrazione del vaccino Pfizer e dovranno ripresentarsi il 13 maggio per effettuare il richiamo. Grande partecipazione a Villasalto dove su circa 160 ottantenni e ultraottantenni, in 130 hanno aderito alla vaccinazione. Per loro l’appuntamento per la somministrazione della seconda dose è fissato per il 6 maggio. Goni, su 47 aventi diritto sono state vaccinate 35 persone e saranno sottoposte all’inoculazione della seconda dose di vaccino Pfizer lunedì 3 maggio. (…)  A San Nicolò Gerrei e San Basilio ottantenni e ultraottantenni hanno già ricevuto entrambe le dosi. (…) Sono attive le procedure per aderire alla campagna vaccinale rivolta ai cittadini nati dal 1942 al 1951: si può fare richiesta registrandosi sul portale di adesione della Regione. (…) (pag. 30)

Trexenta

Senorbì. Primo sommelier nelle terre del gran vino. Nemo propheta in patria: il sommelier di Senorbì Raffaele Porceddu è stato nominato fiduciario della Fondazione nazionale sommelier per la zona della Val d’Orcia (Provincia di Siena). Un incarico di grande prestigio per Porceddu, che è stato scelto da Paolo Cepollaro, presidente del Comitato organizzativo della Toscana, per promuovere la cultura enologica in un territorio in cui vengono prodotti alcuni dei vini più leggendari d’Italia: tra questi il Brunello di Montalcino e il Vino Nobile di Montepulciano. Sono diversi i compiti del fiduciario: promuovere corsi per sommelier, organizzare iniziative per la preparazione e l’educazione all’incontro con il mondo del vino, svolgere ricerche sulle aziende del territorio, occuparsi delle valutazioni sui vini e valorizzare i prodotti di qualità. (pag. 28)

Altre notizie

I contagiati hanno in media 33 anni. Il virus in Sardegna dilaga tra i giovani. L’età media dei positivi – secondo un report dell’Ats – è 33 anni, un dato che dipende da un mix di fattori: gli anziani vaccinati sono già un certo numero; la variante inglese – la più comune – colpisce fasce d’età più basse rispetto al passato; le restrizioni sono minime e i comportamenti negazionisti, rilassati e superficiali diffusissimi. Guardiamoci intorno: per strada la mascherina ce l’hanno in pochi; nei supermercati ormai sono quasi del tutto scomparsi i dispenser col gel igienizzante; fuori dai bar i capannelli sono la normalità; si fanno ovunque le feste in casa e gli spuntini in campagna; tanta gente che dovrebbe stare in isolamento se ne va in giro come se niente fosse. (pag 2)

Nove morti e 199 casi. Il tasso di positività nell’Isola cala al 5,6%. Nove vittime, mentre risale la curva delle infezioni nell’Isola e il tasso di positività (in calo rispetto a lunedì) è al 5,6%: sono 53.789 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza e nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 199 nuovi casi. In totale sono stati eseguiti 1.175.188 tamponi, per un incremento complessivo di 3.516 test rispetto al dato precedente. Sono 371 (+9) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, mentre sono 46 (-1) i pazienti in terapia intensiva, con due ingressi nella giornata di ieri. (pag. 2)

Mancano i vaccini, gli hub rallentano. Doveva essere la settimana decisiva per le quindicimila vaccinazioni al giorno in Sardegna, o almeno così era stato promesso al commissario governativo per l’emergenza Covid-19, ma questo ritmo non è stato raggiunto. Non ancora, secondo il Piano vaccinale appena riscritto dall’Ats, ma nel frattempo si rischia di tradire quella promessa fatta al generale Francesco Figliuolo durante la sua visita nell’Isola. Aveva chiesto, fra le altre cose, che tutti gli over 80 sardi fossero vaccinati entro il mese, ma difficilmente si potrà farlo. Almeno, così indicano i dati pubblicati sul sito del Governo, i quali descrivono una situazione che non è quella sperata, anche se dall’Assl di Cagliari giungono voci confortanti: «L’immunizzazione degli over 80», spiega il responsabile delle vaccinazioni Gabriele Mereu, «sarà conclusa nella prima settimana di maggio, nel senso che speriamo nel risultato straordinario di immunizzare l’85% dei grandi anziani». (pag. 3)

Fragili senza copertura, indaga la Procura di Cagliari. Il ritardo col quale sinora sono stati vaccinati i cittadini fragili, affetti da diverse patologie e dunque più a rischio, è finito al centro di un’inchiesta giudiziaria aperta in questi giorni dalla Procura di Cagliari. Arrivati al terzo piano del Palazzo di giustizia diversi esposti, il procuratore aggiunto Paolo de Angelis ha affidato il compito di svolgere le indagini al sostituto Guido Pani. L’ipotesi di reato potrebbe essere l’omissione o il ritardo in atti d’ufficio, al momento però non sono presenti nomi sul registro delle notizie di reato. Numeri importanti (pag. 3)

La Sardegna punta sull’arancione. Due giorni. Altre 48 ore di attesa prima di sapere se la Sardegna stacca il biglietto per la zona arancione oppure no. «La tendenza è quella del miglioramento quindi penso che, escluse sorprese, questa sia la settimana buona». E se a dirlo è Luigi Minerba, docente di Statistica medica dell’Università di Cagliari, qualche possibilità esiste. Anche perché capire il meccanismo che settimanalmente porta la Cabina di regia a valutare quale fascia attribuire a ogni singola regione non è proprio semplice. (pag. 5)

Sa Die, in Aula una cerimonia per pochi. Per la seconda volta Sa Die de sa Sardigna si festeggia in tempo di pandemia. E il Consiglio regionale si adegua: oggi in Aula a partire dalle 11 potranno partecipare alle celebrazioni solo i capigruppo, il presidente dell’Assemblea, Michele Pais, e della Regione, Christian Solinas, oltre ai rappresentanti del Comitato “Sa die” e il gruppo musicale dei Tazenda, che eseguirà “Procurade ‘e moderare”. Di sicuro l’emergenza sanitaria sarà protagonista negli interventi. Ieri il governatore ha lavorato molto al suo discorso, dove non mancheranno i riferimenti all’orgoglio del popolo sardo da declinare in una voglia di ripresa che oggi si traduce nella speranza di uscire dal tunnel del Covid-19 con le vaccinazioni. Il programma I lavori saranno aperti alle 11 dal presidente del Consiglio, Pais. (pag. 8)

Imprese sarde a corto di liquidità. I rubinetti si chiudono proprio nel momento del bisogno. Gli imprenditori sardi fiaccati dall’emergenza economico sanitaria e da mesi di chiusura forzata sono infatti alla disperata ricerca di liquidità per mandare avanti le proprie aziende. Una caccia ai finanziamenti che nel 2020 si è fatta però sempre più difficile, soprattutto per le realtà più piccole e proprio per questo motivo poco strutturate ad affrontare lunghe crisi. Il campanello di allarme lo ha fatto suonare la Cna Sardegna, autrice di un report che ha riassunto le difficoltà del settore creditizio regionale a oltre un anno dall’inizio della pandemia e a poche settimane di distanza (si spera) dalle riaperture primaverili. (pag. 14)

Il digitale nel turismo. Riparte oggi “Eccellenze digitali”, il training formativo digitale in collaborazione con Google con i webinar della Camera di commercio di Cagliari-Oristano su Turismo, ospitalità e accoglienza. I webinar sono rivolti agli imprenditori, al personale aziendale, ai tirocinanti d’azienda, ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti. Per iscriversi è necessario compilare il modulo sul sito della Camera di commercio. (pag. 14)

“Ristoamare”, salta l’edizione 2021. Troppe incertezze legate alle restrizioni anti Covid. E salta, con data da destinarsi, l’appuntamento del 16 e 17 maggio per Ristoamare, la manifestazione dedicata al settore hotel, ristoranti e catering. La decisione è stata presa dalla Rosa dei Venti, società organizzatrice dell’evento. (pag. 14)

Corso di gestione rifiuti. Si svolgerà oggi pomeriggio dalle 14 il seminario online sulla “Tutela ambientale e illeciti nel settore del ciclo dei rifiuti“, che vedrà la partecipazione dei più alti esponenti del Comando dei Carabinieri per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica. Al webinar, promosso da Confindustria Sardegna Meridionale, si potrà accedere seguendo le istruzioni nel sito dell’associazione. (pag. 14)

Cinque bandi europei sulla mobilità urbana. La Comunità della Conoscenza e dell’Innovazione sulla Mobilità Urbana dell’EIT ha pubblicato i primi cinque bandi nell’ambito del business plan 2022-2024, relativi ai programmi: Innovazione, Creazione d’impresa, Ambiente pubblico, Coinvolgimento dei cittadini e Programma d’innovazione regionale. Lo stanziamento complessivo è di 13,3 milioni di euro. La scadenza per tutti i bandi è fissata al 18 maggio. Il Programma di innovazione mira a diffondere soluzioni commerciali orientate al mercato nella mobilità urbana. Per informazioni: https://www.eiturbanmobility.eu/launch-of-call-for-proposals-for-innovation/ (pag. 21)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Gerrei

Escalaplano. Lavori nella strada per l’area Pip. La strada sterrata che dalla Provinciale Escalaplano-Esterzili porta all’area degli insediamenti produttivi (zona Pip), si rifà il look con un intervento di infrastrutturazione. La via sterrata serve per raggiungere numerose aziende agro-pastorali, la sua funzione principale è però quella di consentire l’accesso, dalla viabilità provinciale, all’area per gli insediamenti produttivi. La realizzazione di una strada asfaltata, rispetto a quella esistente vede anche un miglioramento del percorso, con l’apertura di alcune curve e il conseguente allineamento del tracciato. (pag. 31)

Trexenta

Senorbì. Contagi Lieve aumento dei contagi a Senorbì. I casi di positività al Covid-19 nel territorio comunale sono undici. ((pag. 28)

Senorbì. Zona rossa, i bar aprono a singhiozzo. Zona rossa a Senorbì: bar aperti a intermittenza. L’inasprimento delle restrizioni ha assestato un duro colpo ai settori economici più in difficoltà, in particolare nella cittadina nel cuore della Trexenta i bar soffrono tantissimo perché da parecchi giorni sono costretti a rinunciare ai clienti dei centri vicini. A fare la differenza, in negativo, i pochi spostamenti da un centro all’altro, limitati ai soli motivi di lavoro, salute e comprovata necessità. Le perdite? Sino al 90 per cento. (pag. 29)

Senorbì. Clienti spaventati dalle multe. A tenere lontani i clienti è anche la paura di incorrere in multe. Con la zona rossa, nonostante sia consentito l’asporto, c’è sempre qualche dubbio sui comportamenti da adottare. «L’incertezza dovuta alle regole che cambiano continuamente e al sistema dei colori non rende le cose facili – dice Simone Mulas, titolare di un bar-pasticceria – a volte spetta a noi gestori tranquillizzare i clienti, dando qualche spiegazione in più e ovviamente dando l’esempio riguardo il rispetto delle regole». È vietato consumare all’interno dei locali e nelle loro adiacenze ma è consentito l’asporto.  (pag. 29)

Guamaggiore. Il nuraghe di Barru per il rilancio turistico. Un polo turistico e culturale per valorizzare la reggia nuragica di Barru. È l’obiettivo dell’amministrazione comunale di Guamaggiore che, in collaborazione con il Servizio tutela del paesaggio della Regione e con la Soprintendenza archeologica, sta portando avanti l’ambizioso progetto di recupero in chiave turistica dell’intera area archeologica situata al confine con Guasila. Oltre al proseguimento della campagna di scavo, il progetto prevede la realizzazione di un Centro servizi, la sistemazione del piazzale antistante la struttura dove troverà spazio la nuova area parcheggio, il camminamento pedonale dal cancello di ingresso e la piantumazione di essenze autoctone intorno all’edificio. (pag. 30)

Altre notizie

Recovery, l’Isola chiede certezze. La Sardegna alla finestra del Recovery. Nelle 500 schede presentate alla Camera dei deputati da Draghi, l’Isola viene citata solo due volte, senza riferimenti a opere infrastrutturali. «In gioco c’è il destino dell’Italia, no a visioni miopi di parte», ha esortato il premier. Il Pnrr, in attesa dell’ok di Bruxelles, mette in campo 248 miliardi, 80 per il Sud. L’Isola potrebbe entrare in gioco su energia e digitalizzazione. Resta il gap dell’insularità. (Segue dalla prima alle pagine 2, 3)

Nell’Isola undici morti. Contagi in calo, i nuovi casi sono 135. Contagi e ricoveri in calo ma purtroppo si contano 11 decessi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Nell’aggiornamento quotidiano dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 135 nuovi casi contro i 290 di due giorni fa, ma si registrano altri 11 morti (1.363 in tutto). Complessivamente dall’inizio dell’emergenza sono 53.590 i contagi nell’Isola. In totale sono stati eseguiti 1.171.672 tamponi, con un incremento di 2.112 test rispetto al dato precedente. Il tasso di positività sale al 6,3%. Migliora la situazione negli ospedali. Sono 362 (-4) i pazienti ricoverati in reparti non intensivi, 47 (-1) quelli in intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 17.351, i guariti 34.467. Sul territorio, dei 53.590 casi positivi complessivamente accertati, 13.977 (+50) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.071 (+2) nel Sud Sardegna (pag. 5)

Pioggia di vaccini sulla Sardegna: 315mila a maggio. Meglio non farsi illusioni, visto che in Europa le case farmaceutiche produttrici di vaccini fanno sempre quel che vogliono, ma secondo i programmi del ministero della Salute grandineranno dosi sull’Isola per l’intero mese di maggio. Ne sono attese 315.420, di tutti i quattro tipi in uso nell’Ue: per la maggior parte sono di immunizzanti che richiedono una doppia inoculazione. Già per dopodomani sono attese 60.480 dosi di Pfizer, il 3 maggio è pianificata la consegna di altre 62.500 (suddivise in 51.200 AstraZeneca, 7.000 Moderna e 4.300 Janssen, prodotto da Johnson & Johnson). Il giorno dopo è previsto che si aggiungeranno 6.950 dosi di Moderna, il 6 maggio 58.500 di Pfizer, via via verso il 20 maggio con continue forniture separate da pochi giorni l’una dall’altra. (pag. 8)

Frodi alimentari, sanzioni pesanti. La filiera agroalimentare ha un’arma in più contro le frodi. Da oggi chi le commette sarà costretto infatti a porvi rimedio entro 30 giorni. Esulta comprensibilmente il Contas, il Consorzio di tutela dell’agnello di Sardegna Igp, dopo l’ok all’emendamento presentato dal deputato sardo Alberto Manca di “diffida con efficacia immediata contro gli illeciti alimentari di natura non penale” inserito al decreto legge “Misure urgenti sulla disciplina sanzionatoria in materia di sicurezza alimentare” che ora spinge per l’approvazione della legge Caselli che «rappresenterebbe una vera rivoluzione a favore dei produttori e dei consumatori». (pag. 16)

Città metropolitana, rebus risorse. All’inizio (per quanto tempo?) ci saranno due governi: uno, guidato dal sindaco metropolitano Paolo Truzzu, per i 17 vecchi comuni, l’altro, coordinato dal commissario che sarà nominato dalla Regione, per i 54 Comuni che entrano a far parte del nuovo organismo. Insieme (ma come?) dovranno gestire la nuova Città metropolitana di Cagliari, il nuovo ente diventato realtà (con la pubblicazione della legge di riforma sul Buras) meno di due settimane. (…) Pro e contro La visione è quella di aumentare un’area diminuita socio-economicamente. La sfida è l’equità territoriale: garantire uguali condizioni di cittadinanza oltre che nell’area vasta, nelle aree suburbane, rurali, e nei paesi più distanti. La nuova città metropolitana di Cagliari che si allarga dalla Trexenta al Parteolla, dal Gerrei al Sarrabus, si sapeva, non piace (quasi) a nessuno. La Riforma cancella la provincia del Sud Sardegna, disegna la nuova Città Metropolitana allargata e rinnova le province di Sulcis e Medio Campidano. Diversi i dubbi sulla nuova organizzazione. (pag. 17)

Il Crenos in campo per il riconoscimento dei nostri nuraghi. Nella sua corsa per l’inserimento della civiltà nuragica nella lista del Patrimonio dell’umanità, l’associazione Sardegna verso Unesco conquista un nuovo partner: è stato, infatti, firmato ieri il protocollo d’intesa con il Crenos, il centro di ricerche economiche delle Università di Cagliari e Sassari. Obiettivo dell’accordo è valorizzare il patrimonio archeologico dell’Isola in tutto il mondo, generando le risorse necessarie per la cura, la tutela dei siti e lo sviluppo dei territori coinvolti. (pag. 48)

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)

Oggi su L’Unione Sarda

Notizie dal nostro territorio

Sarrabus

San Vito. Lotti accorpati nella zona artigianale. Una nuova grande attività per la produzione e il confezionamento del pane nella zona artigianale del paese in località Pranu Narbonis. Il via libera è arrivato dal Consiglio comunale che ha approvato all’unanimità (cinque gli assenti) la variante non sostanziale che prevede l’accorpamento di tre lotti. La richiesta era stata fatta da una ditta del paese. (pag.37)

Trexenta

Annunci civetta, la truffa viaggia sul web. Telefonini, automobili, mezzi agricoli, elettrodomestici e assicurazioni auto a prezzi stracciati: tutto a portata di clic davanti al computer. Difficile non approfittare di offerte irrinunciabili pubblicizzate sul web. Peccato però che sempre più spesso il venditore sia in realtà un truffatore. Ne sanno qualcosa le oltre 720 vittime di truffe telematiche messe a segno tra Cagliari e Provincia nei primi tre mesi del 2021. (…) Parteolla e Trexenta. A Dolianova i carabinieri sono riusciti a identificare tre dei responsabili dietro le cinque truffe denunciate. Le altre: tre a Barrali (una scoperta), una a Soleminis, Suelli e Guamaggiore. A Guasila su tre casi denunciati ne è stato risolto uno, a Mandas due su quattro, a Senorbì cinque su nove. (pag. 35)

Altre notizie

Ma i fragili chi sono? Eccoli uno per uno negli elenchi ufficiali. L’età c’è, eppure il portale Web della Regione rifiuta di registrarli nelle prenotazioni per il vaccino anti Covid-19. Lo fa perché sono pazienti fragili, quindi hanno un’esenzione ticket, e devono essere chiamati separatamente. Il portale ha l’istruzione di privilegiarli anticipando l’appuntamento, però in moltissimi casi finisce che – nella fila elettronica per essere convocati dagli hub e dai centri vaccinali sardi – il fragile si ritrova ben dietro i coetanei: quindi, avrebbe fatto prima a farsi vaccinare per fascia d’età e non per patologia, ma la piattaforma regionale non glielo consente. Paradosso eliminato L’impostazione senza logica ha colpito soprattutto i diabetici perché in Sardegna sono tanti (24mila, l’Isola è leader mondiale per incidenza della patologia con la Finlandia), ma non risparmia gli altri pazienti fragili che avrebbero un diritto di precedenza per l’immunizzazione. La Regione ha modificato il portale vaccinocovid.sardegnasalute.it per evitare che si sia esclusi dalle fasce d’età in quanto fragili, consentendo la “doppia iscrizione”: così, la fila più veloce (età o fragilità) fa partire la convocazione per prima. (pag. 5)

Da unionesarda.it

Agriturismi sardi, in un anno -40 milioni di fatturato. “Strutture centrali per la ripartenza”. Nell’ultimo anno a causa delle chiusure, secondo le stime di Coldiretti Sardegna, i circa 900 agriturismi sardi hanno segnato perdite di fatturato intorno ai 40 milioni di euro. Per la riapertura di queste aziende – prevista nelle Regioni in fascia gialla a partire dal 26 aprile – nell’Isola bisognerà ancora attendere a causa della proroga della zona rossa per altri 15 giorni. Secondo le elaborazioni di Coldiretti su dati Istat e Laore, i circa 900 agriturismi sardi, il 35 per cento dei quali guidati da una donna, sono così distribuiti: per il 38% nel Nord Sardegna, il 27% nel Sud Sardegna, il 22% a Nuoro e il 13 a Oristano. L’81% offre il servizio alloggio, il 73% quello di ristorazione mentre il 28% mette a disposizione altre attività.

Leggi la rassegna stampa (formato PDF)