Pubblicate le FAQ relative all’avviso pubblico per la selezione del Direttore Artistico dell’Azione di sistema Eventi

399

Si pubblicano di seguito alcune domande e le relative risposte relative all’avviso pubblico per il conferimento dell’incarico di DIRETTORE ARTISTICO dell’Azione di Sistema Eventi:

1) Nel rispetto dei requisiti imposti dall’ente finanziatore oltre che delle aspettative dei singoli soci GAL, è possibile immaginare il “festival” ipotizzato in una forma diffusa che si svincoli dal concetto di singolo evento concentrato in pochi giorni e in un solo luogo? E’ possibile configurarlo come un offerta culturale diffusa nei differenti territori ed estesa in un arco di tempo dilatato e superiore ai tre giorni (seppure fortemente caratterizzato e riconoscibile al pari di un festival)?

R. Il festival deve essere ancora progettato, anche sulla base del tema che vincerà  il concorso di idee. Pertanto la possibilità  di evento diffuso potrebbe anche essere plausibile ma dovrebbe essere definita in fase di stesura del piano culturale, a cura del direttore artistico, che dovrà , ovviamente, essere concordata con il GAL. Allo stato attuale vi sono margini di scelta che però andranno definiti in funzione della fattibilità  e della tempistica imposta dal progetto.

2) Durante l’incontro informativo tenutosi a San Basilio, è stata specificata la problematica della ristrettezza dei fondi e la necessità  del ricorso a società  terze (estranee alle associazioni coinvolte nel periodo dell’animazione) per la realizzazione dell’evento finale. A questo proposito, volevo capire se è possibile contemplare la possibilità  che almeno parte degli eventi siano gestiti dagli stessi soggetti che vinceranno i bandi di animazione del territorio.

R. La scelta dei soggetti coinvolti nella realizzazione del Festival e dell’attività  di animazione avverranno con procedure di evidenza pubblica (bandi o gare). Si può eventualmente prevedere che il soggetto che si aggiudica una gara per un’attività  di animazione possa avere una parte del budget per realizzare la restituzione durante l’evento finale. Questo dovrà  essere ovviamente definito in fase di definizione del capitolato di gara.

2) Esiste una scadenza entro la quale i progetti sostenuti dal GAL riguardanti il miglioramento della microricettività , l’attivazione o miglioramento delle attività  extra-agricole e la creazione di nuove imprese dovranno essere portati a termine?

R. I progetti finanziati relativi ai settori sopra elencati dovranno essere completati entro giugno/luglio 2015

3) E’ possibile conoscere il budget totale relativo alla fase di animazione e all’evento finale?

R. Il Budget per la fase B è di circa 60.000 € IVA inclusa, mentre il budget per la fase C è di circa 112.000 euro IVA inclusa.

4) Qualora sia richiesto lo svolgimento di un evento finale di tre giorni, è possibile svolgerlo in settembre, eventualmente prevedendo il coinvolgimento delle scuole in una fase intermedia di restituzione a luglio?

R. Il progetto ha come conclusione della fase C (festival) il mese di giugno, si può eventualmente ipotizzare un piccolo slittamento a luglio ma sicuramente non è possibile arrivare a settembre per problemi di rendicontazione dell’attività .