Misura 321, servizi essenziali per l’economia e la popolazione rurale

Il presente bando finanzia le seguenti azioni: Azione 1 – Servizi sociali – prevede aiuti per l’avviamento, da parte di Enti Pubblici e Associazioni di Enti Pubblici, di servizi innovativi alla persona nei settori socio assistenziale e lavorativo, quali servizi di terapia assistita e di reinserimento sociale e lavorativo delle fasce più deboli della popolazione. Il servizio sarà acquisito dagli Enti pubblici attraverso apposita selezione, da effettuarsi nel rispetto delle norme sugli affidamenti dei pubblici servizi e dovrà essere attivato presso le aziende agricole multifunzionali idonee ad accogliere tali iniziative. Azione 2 – Interventi a sostegno dell’attività didattica, culturale e ricreativa a favore della popolazione rurale – prevede la concessione di aiuti per l’avviamento, da parte degli Enti pubblici e Associazioni di Enti Pubblici, di servizi di carattere didattico, culturale e ricreativo rivolti prioritariamente ai giovani in età scolare (es. corsi di educazione alimentare, ambientale, ecc.). L’intervento mira ad attivare nei comuni dell’area Leader una didattica alternativa a quella svolta in aula finalizzata alla riscoperta dei valori del lavoro del mondo agricolo e delle sue produzioni, anche come momenti di educazione civica verso un uso sostenibile del territorio e una conseguente adeguata tutela dell’ambiente. L’attività didattica riguarderà in particolare percorsi di educazione ambientale e alimentare, di conoscenza delle tradizioni, degli antichi mestieri, dell’architettura rurale e del paesaggio in generale. Il servizio sarà acquisito dagli Enti pubblici attraverso apposita selezione, da effettuarsi nel rispetto delle norme sugli affidamenti dei pubblici servizi e dovrà essere attuato in fattorie idonee a svolgere tali attività. Azione 3 – Servizi ambientali – prevede aiuti per l’avvio di progetti (coerenti con il PSL) di recupero e manutenzione straordinaria di spazi pubblici e/o di interesse pubblico, da effettuarsi in aree di particolare interesse ambientale, culturale e paesaggistico anche ai fini di una migliore tutela e di un costante presidio del territorio, nonché di una sua maggiore fruibilità da parte della comunità locale. Tali progetti concorreranno a incrementare l’attrattività complessiva del territorio. Per la realizzazione dei progetti l’ente pubblico, o l’associazione di Enti pubblici, selezionerà sul mercato le imprese fornitrici dei servizi (incluse quelle agricole così come previsto dall’art. 15 del Dlgs 228/2001 e successive modifiche ed integrazioni). La selezione delle imprese sarà effettuata nel rispetto delle norme sugli affidamenti dei pubblici servizi. Azione 4 – Accessibilità alle tecnologie di informazione e comunicazione – prevede aiuti per la realizzazione e l’allestimento di spazi polifunzionali e multimediali di ritrovo e aggregazione con finalità sociali, culturali e ricreative e che eroghino una larga varietà di servizi e di e-services per i cittadini (acquisti on-line, teleamministrazione etc.) volti ad ampliare e migliorare le opportunità di accesso e di adozione delle tecnologie di informazione e comunicazione (TIC) nei territori. La domanda telematica di richiesta del finanziamento potrà essere inoltrata a partire dal 11 luglio 2013 sino al 25 settembre 2013. La documentazione cartacea dovrà pervenire invece entro 5 giorni dalla scadenza del termine per l’invio della domanda telematica ossia il 30 settembre 2013.